Background
Partì di fretta a primavera, reggimento 26º
Con tanti amici, tanti sogni ed una foto fatta a lei
Passato è ormai il confine, il Tagliamento è dietro noi
Con il sacco in spalla ed il colpo in canna dal Tolmino al Lagazuoi!

Già si sente il rombo e la bombarda 293
La pagnotta dentro il tascapane e le bombe della S.I.P.E.
Le corazze e pinze ai tagliafili e gli elmetti da trincea
Sotto il tiro dei cecchini, le difese tranciano via!

Ma un giorno tornerò e nel mio cuore avrò tutti i sogni e le paure avute lì!
Le maschere antigas , il mio fucile è qua, sotto il cielo, sulla neve a dormire!
Bagliori e lampi su, sugli elmi in grigioblu, ragazzi, attenti, è tempo di partire!
L'attacco in vetta est contro l'Isonzo Armée, nelle grotte la mitraglia aspetta lì!

Il genio blinda la trincea contro i colpi di artiglieria
Con gli Alpini ed i bersaglieri in aiuto alla fanteria
Si scagliano all'assalto ed in coppia estrarranno
Il pugnale e la bomba che l'impero schiaccerà
Lanciafiamme sugli invasori e l'inferno si scatenò
Sopra il Grappa ed sul Podgora, sul Montello e sul Cismon!

Ma un giorno tornerò e nel mio cuore avrò tutti i sogni e le paure avute lì!
Le maschere antigas , il mio fucile è qua, sotto il cielo, sulla neve a dormire!
Bagliori e lampi su, sugli elmi in grigioblu, ragazzi, attenti, è tempo di partire!
L'attacco in vetta est contro l'Isonzo Armée, nelle grotte la mitraglia aspetta lì!

Addio, mia bella, addio, che l'armata se ne va
E se non partissi anch'io sarebbe una viltà!