Background

Non Nobis Domine - Ultima volontà

Morire come lo vidi morire di primavera in un chiaro mattino
Fiori di campo, profumo di vita, ma sora morte già gli stava vicino
Fare la guerra come l'amore con assoluta purezza di cuore
Destino ritto sul proprio destino senza gioia e senza dolore
Si levò dolce come un sorriso ed il cuore gli batteva forte
E quel sorriso tuonò più tremendo del terrore e della stessa morte
Volò sul campo protervo e profondo, danzatore nella battaglia
Ed il suo sangue cantò più forte dell'oscurità e della mitraglia
E nei cieli squarciati da un buio profondo risuonarono mari di luce
E fummo tutti pieni di quell'arcana gioia che ancóra oggi ci conduce!

Saldo nel soffrire lui non si piegò, come dritta quercia avanti lui crollò
Strinse la vita tra i pugni e si rialzò, e tra i denti insanguinati mormorò:
«Meglio vivere e morire come giovani fascisti che piegarsi a questo mondo di vigliacchi e sanguemisti
Meglio un giorno luminoso con un'arma nelle mani che una morte oscura oscura e lunga mille pavidi domani, mille pavidi domani!»
«Meglio vivere e morire come giovani fascisti che piegarsi a questo mondo di vigliacchi e sanguemisti
Meglio un giorno luminoso con un'arma nelle mani che una morte oscura oscura e lunga mille pavidi domani, mille pavidi domani!»

Categories: Share

Leave a Reply

A.N.C. - Archivio Non Conforme
È attiva la moderazione dei commenti, qualsiasi commento che contenga insulti, bestemmie e volgarità non sarà pubblicato. Inoltre lo staff di Archivio Non Conforme non è responsabile del contenuto dei commenti lasciati da terzi!
Grazie, lo staff