Background

Ultima Frontiera - Soldato ignoto

Il Carso era la prora d'Italia all'avvenire immersa nell'aurora per vincere o morire
Ed intorno a quella prora si moriva quando alla nave arrise la vittoria,
Ma il nome di ogni fante che periva passava all'albo bronzeo della storia!

Soldato ignoto, e tu? Nei meandri del destino!
Ossa senza piastrino, eroe senza medaglia, non esistevi più!
Finita la battaglia fu chiesto inutilmente, nessuno per te poteva dire: «Presente!»

Il Piave era una diga di elmetti e di fucili, anime e corpi in riga, i fanti non sono vili
La morte li freddò coi suoi miasmi, li strinse a mille fra le ossute braccia
Li rese irriconoscibili fantasmi, ne disperdeva fin l'ultima traccia!

Soldato ignoto, e tu? Nei meandri del destino!
Ossa senza piastrino, eroe senza medaglia, non esistevi più!
Finita la battaglia tua madre inutilmente tra i morti intatti ricercò l'assente!

La gloria era un abisso, ma dallo Stelvio al mare, lo sguardo restò fisso, si doveva passare
E la chiodata scarpa vi passava, tritò l'impervio Carso a roccia a roccia
Pigiò nel Piave sacro che arrossava, sangue nemico tratto goccia a goccia!

Soldato ignoto, e tu? Nei meandri del destino!
Or brilla il tuo piastrino fregiato dalla palma, eroe, non morrai più!
E solo la tua salma che è rivolta ad oriente da Roma può rispondere: «Presente!»
Da Roma può rispondere: «Presente!», da Roma può rispondere: «Presente!»

Categories: Share

Leave a Reply

A.N.C. - Archivio Non Conforme
È attiva la moderazione dei commenti, qualsiasi commento che contenga insulti, bestemmie e volgarità non sarà pubblicato. Inoltre lo staff di Archivio Non Conforme non è responsabile del contenuto dei commenti lasciati da terzi!
Grazie, lo staff