Background

Europa E Civiltà - Barbarossa sul Kyffhäuser

Il prode Federico chiamato Barbarossa
Si trova ora celato sul monte incantato
E lì non è mai morto, ma vive ancora adesso
Nel manto suo fatato nel sonno si è adagiato, nel sonno si è adagiato!

Il trono di Federico Barbarossa tutto è d'avorio bianco
Sul tavolo di marmo appoggia il capo stanco
La sua barba di fuoco figlia del firmamento
Cresce attraverso il tavolo su cui appoggia il mento, su cui appoggia il mento!

Il capo scuote ed apre gli occhi color del mare
E dopo lungo tempo un bimbo fa chiamare
Si volge e dice al bimbo: «Va fuori dal maniero,
Guarda se attorno al monte volteggia un corvo nero, volteggia un corvo nero!»

Se il vecchio corvo nero qui vola senza affanni
Dovrò quassù dormire ancora per cent'anni, ancora per cent'anni,
Ma se il cielo d'aprile splende sul mio maniero
E se l'aquila vola, portatemi il destriero, portatemi il destriero!

E se pei monti udite i corni risuonare
Portatemi la spada, è tempo di tornare, è tempo di tornare
E se pei monti udite i corni risuonare
Portatemi la scettro, è tempo di regnare, è tempo di regnare!

Categories: Share

Leave a Reply

A.N.C. - Archivio Non Conforme
È attiva la moderazione dei commenti, qualsiasi commento che contenga insulti, bestemmie e volgarità non sarà pubblicato. Inoltre lo staff di Archivio Non Conforme non è responsabile del contenuto dei commenti lasciati da terzi!
Grazie, lo staff