Background

Gang Calavera - Cicatrici

Ore 4 di notte, Marco è sempre in giro, ubriaco nuovamente del suo subdolo delirio
L'ansia non è un'amica, piuttosto una condanna, glielo diceva mamma di non perdere la calma
E lui non ne può proprio farne a meno dei ricordi, dei rimorsi, del suo dolce veleno
Di tutti questi anni passati come secondi veloci, taglienti, deformando cuori e volti
Di gente che lo ha stretto forte in un abbraccio, che si è rivelato falso: tattica del codardo
Illuso dai sorrisi, dalla finta fratellanza, mosca bianca d'arroganza, gin e rabbia nella stanza
Giornate passate a dedicargli tempo, ad ascoltare, ad affrontare ogni loro minimo complesso
E che cosa ci rimane di quel 2006? Una foto, una Winston ed io che penso ai cazzi miei!

They don't even know you, all they see is scars!
They don't see the angel living in your heart!
Let them find the real you buried deep within!
Let them know with all you have got that you are not your skin!

Mylady, ragazza figlia del tuo tempo, i problemi non li affronti, li reprimi nel silenzio
Ti senti matura, una vera donna, troppe mani hanno già preso sotto quella gonna
Copri il tuo volto con trucchi e rossetto, crei una maschera diversa dal tuo vero aspetto
Sei una bambina che sogna di essere Barbie, avere l'uomo figo, fare tardi, bancomat, guadagni
I grandi non vedono, forse hanno paura come il prof. che ti guardava nella scollatura
Belle scarpe, cellulare e jeans alla moda, regalarsi in discoteca per un poco di coca
Vivi di stereotipi, di miti passeggeri, del vuoto che si crea quando realizzi i desideri
Non essere più un loro gioco, una bambola di pezza, l'oro ce l'hai, cercalo dentro te stessa!

They don't even know you, all they see is scars!
They don't see the angel living in your heart!
Let them find the real you buried deep within!
Let them know with all you have got that you are not your skin!

Buonasera, signore, tutte imbellettate, sedute bene al caldo nelle vostre case
Invece lui è qui al freddo d'inverno, pronto per una dose a scendere all'inferno
Non vi dirò il suo nome, tanto a cosa serve? Quelli come lui, per voi, sono solo merde
Piaghe sociali, cani randagi, gli zombies lebbrosi chiamati drogati
Si ricorda suo padre, faceva le elementari, gli diceva: «Tu sei forte, sarai un grande negli affari!»
Poi d'improvviso dobbiamo lasciarci, sua madre piangeva, si consolava col Bacardí
La rabbia, i calci in pancia, il sudore, sognava per sua madre un futuro un po migliore,
Ma per uno come lui non c'è spazio a questo mondo, sta morendo adesso, se ne rende conto!

They don't even know you, all they see is scars!
They don't see the angel living in your heart!
Let them find the real you buried deep within!
Let them know with all you have got that you are not your skin!

Categories: Share

Leave a Reply

A.N.C. - Archivio Non Conforme
È attiva la moderazione dei commenti, qualsiasi commento che contenga insulti, bestemmie e volgarità non sarà pubblicato. Inoltre lo staff di Archivio Non Conforme non è responsabile del contenuto dei commenti lasciati da terzi!
Grazie, lo staff