Background

Antica Tradizione - Mietitore di eroi (omnia fert aetas)

L'eco di gloria risuona nel vento nel deserto di El Alamein
Lì ogni duna di sabbia porta un nome degli amici miei
Sai quanta pena che provo ogni volta che racconto dei vent'anni miei?
L'indifferenza mi uccide ed invecchiare soli è dura, lo sai!

Ma io, vecchio amico, canto solo canzoni, alla tua storia regalerò
Le note più belle, la forza e l'onore: dopo, al vento, le affiderò
Quello che strugge e ci lacera dentro è sentire in ognuno di noi
Il cuore che grida la sua rabbia infinita contro il tempo mietitore di eroi!

Quando mi guardo negli occhi allo specchio vedo il ragazzo che è in me
Sorride guascone nella vaga illusione che il tempo non lo sfiorerà
Certo che adesso che trascino il mio corpo in questa strana e pietosa realtà
Fa molto più male la pensione da fame che il deserto con la sua crudeltà!

Ma io sono solo un cantastorie, sognatore e niente di più
Coloro le note, poi le affido nel vento come foglie di autunno a Verdun
Vecchio ragazzo, ciò che è vitale è sentire dentro di noi
Il cuore che grida la sua rabbia infinita contro il tempo mietitore di eroi
Il cuore che grida la sua rabbia infinita contro il tempo mietitore di eroi!

Categories: Share

Leave a Reply

Archivio Non Conforme
È attiva la moderazione dei commenti, qualsiasi commento che contenga insulti, bestemmie e volgarità non sarà pubblicato. Inoltre lo staff di Archivio Non Conforme non è responsabile del contenuto dei commenti lasciati da terzi.
Grazie, lo staff