Background

Antica Tradizione - Il guardiano del tempo

C'è qualcosa di strano che ti brucia ancora dentro
Come il sole di luglio sotto un alito di vento
Il tuo nome correva su quell'ultimo respiro
Poi veniva l'inverno e restavo ancora solo!

Aspettavo la pioggia alla settima fermata
Metafisica luce abbagliava il ponte
Nell'aria il profumo di una venere
Che parlava di Omero e la fine del mondo!

Dove sei? Dove canti ora? Davanti ad uno specchio sei diversa!
Ma dove sei adesso?

Dove sei? Quante strade? Stringi ancora una bandiera!
O sei sola qui nell'ombra della sera?

Il guardiano del tempo è un bambino senza rughe
Lui ritaglia le pagine e le incolla nel futuro
Il destino ti segna in ogni tua giornata
È l'inutile karma di una vita sbagliata!

Dove sei? C'è nell'aria il profumo dell'estate!
I colori e le storie già finite!

Dove sei? Questa terra sta cambiando il suo colore!
È la musica di un mondo che portiamo nel cuore!

Categories: Share

Leave a Reply

Archivio Non Conforme
È attiva la moderazione dei commenti, qualsiasi commento che contenga insulti, bestemmie e volgarità non sarà pubblicato. Inoltre lo staff di Archivio Non Conforme non è responsabile del contenuto dei commenti lasciati da terzi.
Grazie, lo staff